Luigi Boille
biografia

Nato a Pordenone nel 1926, Luigi Boille si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Roma nel 1949. L’anno successivo si laurea in architettura presso l’Università La Sapienza e, dopo aver viaggiato attraverso l’Europa e aver vissuto alcuni mesi ad Amsterdam, si stabilisce a Parigi.

LEGGI TUTTO
biografia

Nato a Pordenone nel 1926, Luigi Boille si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Roma nel 1949. L’anno successivo si laurea in architettura presso l’Università La Sapienza e, dopo aver viaggiato attraverso l’Europa e aver vissuto alcuni mesi ad Amsterdam, si stabilisce a Parigi.

Già nel 1953 la sua pittura rivela una matura e originale assimilazione dell’Informale che lo avvicina al gruppo della Jeune École de Paris (di cui Pierre Restany diverrà presto promotore), con la quale espone in numerose collettive, tra cui Phasen, presso lo Stedelijk Museum di Amsterdam (1957) e Nuove tendenze dell’Arte italiana, alla Roma/New York Art Foundation di Roma (1958). Nella capitale francese entra presto in contatto con il celebre critico Michel Tapié che lo inserisce attivamente nel vivace clima culturale dell’epoca, collocandolo tra gli artisti che conducono ricerche sull’Art autre e cogliendo nelle sue pennellate pastose “elementi barocchi”, riequilibrati tuttavia da un rigore formale “classico”. Se, da un lato, le opere realizzate in questo periodo rivelano, nella scelta della tavolozza, l’interesse per il colore-luce tipico degli artisti fauves, dall’altro hanno grande carica emotiva che, come evidenziato dalla critica dell’epoca, avvicina Boille a certi artisti della West Coast come Clifford Still e Mark Tobey.

Nel 1964, su invito del curatore Lawrence Alloway, Boille rappresenta l’Italia al Guggenheim International Award di New York, insieme a Capogrossi, Castellani e Fontana. Nel 1965, tornato a Roma, partecipa alla Quadriennale e, l’anno successivo, viene invitato alla XXXIII Biennale di Venezia (dove tornerà nel 2011 in occasione della LIV edizione). Le cinque grandi tele degli anni Sessanta esposte alla Biennale, grazie anche all’esperto d’arte olandese John Nicholas Streep, troveranno collocazione in importanti collezioni statunitensi, tra cui quella di Joseph Hirshhorn, ospitata oggi presso l’Hirshhorn Museum and Sculpture Garden Collection dello Smithsonian Institution di Washington DC. Sul finire del decennio la pittura si Boille volge verso una nuova strada, fatta di fitte campiture dai colori animati e brillanti. Nel 1969 prende la residenza a Roma, dove dal 1965 ha uno studio a Villa Poniatowski, accanto a quelli di Perilli, Dorazio, Savinio e altri artisti. Il ritorno a Roma rappresenta uno spartiacque nella vita di Boille, da allora più solitaria, volta alla ricerca, e che lo vedrà passare con intensa frenesia da tele colorate e fitte, a macro forme, per poi evolvere negli anni settanta verso l’arabesco formicolante e monocromo, trattato con rigorose pennellate precise e con una fulminea rapidità esecutiva. Nelle opere di questo periodo il segno si fa minuscolo e leggero, quasi calligrafico. Alle prime tele gialle, presentate nel 1974 da Argan presso la galleria del Naviglio a Milano, seguiranno poi i neri e i bianchi, esposti alla Galleria Editalia di Roma, e i raffinati quadri grigi.

Negli anni ottanta in Boille si manifesta un ritorno alla materia, al colore, che si coglie nella sua pienezza nella serie denominata Centralità, e che culmina con un'antologica al Palazzo dei Diamanti di Ferrara nel 1984, presentata da Filiberto Menna. Il nucleo centrale compatto evolve allora verso una diffusione irradiante con la serie Empatia di Luce (1986). Negli anni successivi espone opere di grandi dimensioni in varie rassegne a Roma, Milano e Parigi. Alla fine degli anni Ottanta le superfici delle sue tele si fanno apparentemente monocrome, dominate da stratificazioni di colori ocracei, viola e argillosi che sembrano tracce di un meteorite. Ne è testimonianza la serie Tracce di luce, esposta nel 1989 presso la Galerie 16 di Parigi.

Nel biennio 1990-1991 si assiste a un ritorno a una superficie piena di segni su sfondo spesso monocromo, esposti a Monaco di Baviera alla Galleria Roubaud. Negli anni successivi lavora sempre di più sul piccolo formato, con la stessa intensità che ha sempre dedicato alle opere di grandi dimensioni. Si dedica con interesse anche alle tecniche su carta: tempere, acquarelli, nonché litografie e incisioni, realizzando serie originali rispetto ai quadri.  Nel 1997 torna a Parigi con una mostra presentata da Pierre Restany in cui espone le sue tele recenti, bianche e nere. In contemporanea la sua storica galleria Stadler espone alcune grandi opere degli anni Sessanta. Tra il 2000 e il 2014, con un segno più rarefatto su ampie campiture colorate, Boille è presente in varie rassegne collettive, in Italia e all’estero. Tiene la sua ultima personale nel 2014 ad Alessandria.

Muore a Roma il 20 aprile 2015. 

CHIUDI X
esposizioni personali

2017

Lissone (MB), MAC – Museo d’Arte Contemporanea

 

2016

Pordenone, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea “Armando Pizzinato”

Roma, Galleria Arte e Pensieri

 

2015

Roma, Galleria d’Arte Marchetti

San Gemini (TR), Stazione di posta

 

2014

Alessandria, Galleria Il Triangolo nero; Milano, Galleria Spaziotemporaneo

 

2013

Roma, Galleria d’Arte Marchetti - with Eliseo Sonnino

 

2012

Roma, Galleria d’Arte Marchetti

 

2011

Roma, Galleria Arte e Pensieri

 

2009

Roma, Galleria d’Arte Marchetti

 

2007

Roma, Galleria d’Arte Marchetti

 

2006

Roma, Galleria Arte e Pensieri

Roma, Galleria Arte e Pensieri - with Carlo Lorenzetti

 

2005

Locarno, Galleria Il Salice; Roma, Galleria Arte e Pensieri - with Achille Perilli

 

2004

San Gemini (TR), Studio Watts

Roma, Galleria Arte e Pensieri

Prato, Galleria Ulivi

 

2002

Roma, Galleria Arte e Pensieri - with Achille Pace

Roma, Galleria Il Bulino

Roma, Galleria d’Arte Marchetti

 

 

2001

Milano, Studio Gariboldi; Milano, Galleria Spaziotemporaneo

Roma, Galleria d’Arte Marchetti

 

1999

Roma, Galleria d’Arte Marchetti

 

1998

Roma, Galleria Edieuropa

 

1997

Roma, Galleria-Stamperia d’Arte Il Bulino

Paris, Galerie Stadler

Paris, Studio Simonis

 

1996

Trento, Galleria L’Isola

 

1994

San Gemini (TR), Studio Watts

München, Galerie Roubaud

 

1993

Roma, Galleria L’Isola

 

1992

München, Istituto Italiano di Cultura

 

1991

München, Galerie Roubaud

 

1989

München Galerie Roubaud

Porto Santo Stefano (GR), Galleria I Rioni

Terni, Galleria Forzani

Paris, Galerie 16

 

1986

Roma, Galleria Giulia

 

1985

Biella, Palazzo Ferrero

 

1984

Ferrara, Palazzo dei Diamanti - Galleria Civica d’Arte Moderna

 

1983

Roma, Galleria Il Luogo

 

1980

Bolzano, Galleria Spatia

 

1979

Roma, Galleria Grafica dei Greci

 

1977

Roma, Galleria Rondanini

Roma, Galleria Parametro

 

1976

Trento, Galleria Argentario

Roma, Galleria Parametro

 

1975

Finale Ligure (SV), Studio Rotelli

 

1974

Roma, Galleria Qui Arte Contemporanea

Bolzano, Galleria Il Sole

Omegna (VB), Galleria Spriano

Milano, Galleria del Naviglio

Reggio Calabria, Galleria La Nucara

Roma, Centro d’Arte Settimiano

 

1973

Wien, Italienischen Kulturinstitut

 

1972

Roma, Galleria della Trinità

Paris, Galerie Jean Chauvelin

 

1971

Milano, Centro Rizzoli

Milano, Galleria Cortina

Roma, Galleria della Trinità

Rapallo (GE), Galleria Polymnia

 

1969

Roma, Grafica Romero

Milano, Centro Rizzoli

Paris, Galerie Stadler

 

1968

Firenze, Galleria Flori

 

1967

Paris, Galerie Stadler

 

1966

Venezia, XXXIII Esposizione Internazionale d’Arte. La Biennale di Venezia

 

1965

Firenze, Galleria Michaud

Roma, Galleria Pogliani

 

1960

Paris, Galerie Stadler

Düsseldorf, Galerie Schmela

 

1959

Lausanne, Galerie L’Entracte

 

1957

Milano, Galleria del Naviglio

Roma, Galleria Selecta

 

1956

Neunkirchen-Daar, Galerie Ursula Rietschel

Paris, Galerie Lucien Durand

 

1955

Paris, Galerie Lucien Durand

TUTTE LE ESPOSIZIONI
sede legale Via Nerino 3 - 20123 Milano. Italy

contatti tel. 02 89281179 Milano
fax. 02 37902808 Milano
tel. 049 7997959 Padova
sedi espositive · Via Nerino, 3 - 20123 Milano
· Riviera San Benedetto, 15 - 35139 Padova
info & newsletter Richiedi informazioni o iscriviti alla nostra newsletter.
Ti terremo informato su tutte le nostre esposizioni e/o iniziative.